Home Settore 6                        ENERGIA

La strategia energetica è di competenza regionale con il PIER, il piano di indirizzo energetico regionale, e normato dalle leggi vigenti in particolare la Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia e da riferimenti normativi statali..

Piano di indirizzo energetico regionale    PIER

Testo approvato 8 07 2008

  Modifiche LR 39/05 su fonti rinnov

 

Piano energetico provinciale

Per il territorio comunale indica una bassa potenzialità per l'idroelettrico, indica una potenzialità media per l'eolico, per il solare termico e fotovoltaico inserisce il territorio in Fascia Solare n.3 e potenzialità di 12.650 KW all'anno, risparmio di 1626 Tep/anno e emissioni di Co2 evitate per 3683 tCo2/anno, per il Biogas come da contributo sui rifiuti comunali.


Normativa 5 apr 2009
Relazione socio economica
Valutazione sostenibilità territ.
Analisi strumenti di pianificazione
Analisi fabbisogni energetici
Bilancio emissioni
Namea
Mobilità
Biomasse
Idroelettrico
Eolico
Solare

Rifiuti

------------------------------------------------------

AUTORIZZAZIONE IMPIANTI

da fonti rinnovabili

Linee guida DM 10 09 2010

Scheda linee Guida

 

------------------------------------

 

CATASTO IMPIANTI http://atlasole.gse.it/atlasole/

 

rib652.jpg (2828 byte)

 

rib78.jpg (3650 byte)

 PIANO DI AZIONE SULL'ENERGIA

Piano 2011-2020 vigente

Piano di azione sull'energia - video

Piano di azione sull'energia - sintesi video english

Piano di azione sull'energia - sintesi video spanish

Piano di azione sull'energia - sintesi video italiano

Tesi della stagista ing. M. G. B. Pereira Università di Firenze

Sito del Patto dei Sindaci

IL POSTER SUL RISPARMIO ENERGETICO

SPORTELLO ENERGIA DELLA REGIONE TOSCANA

 

MONITORAGGIO


  Sistema informativo regionale ambientale

 

-----------------------------------

GRADI GIORNO
Per «gradi-giorno» si intende la somma, estesa a tutti i giorni di un periodo annuale convenzionale di riscaldamento, delle sole differenze positive giornaliere tra la temperatura dell'ambiente, convenzionalmente fissata a 20 °C, e la temperatura media esterna giornaliera; l'unità di misura utilizzata è appunto il grado-giorno (GG)
D.P.R. 26-08-1993, n. 412
Il Comune di Roccastrada ha i seguenti parametri:
Zona climatica:
Gradi giorno: 2081
Altezza s.l.m. della Casa Comunale: 475 mt
Periodo di accensione imp. riscaldamento:15 ott - 15 apr
Numero giornaliero di ore di accensione degli impianti di riscaldamento: 14
--------------------------------------

BENEFICIO FISCALE ART. 8 L.448/1998
Individuazione delle porzioni di territorio comunale non metanizzate che possono fruire del beneficio fiscale previsto dall'art. 8 comma 10 lettera C della legge 23.12.1998 n. 448 per il gasolio ed il GPL da riscaldamento.
Delibera di CC n. 12 del 08.03.2010

Modello attestazione aree non metanizzate

Comunicazione al Ministero per l'Ambiente prot. 7515 del 18.05.2010

Su richiesta del cliente delle ditte fornitrici il Comune rilascia un certificato di attestazione della ubicazione del suo impianto in zona di fruizione del beneficio fiscale.

-----------------------------------------

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

Gli obblighi di trasmissione dell'ACE alla Pubblica Amministrazione.


Il DM 26 giugno 2009 prevede che sia trasmessa alla Regione copia dell'attestato di certificazione energetica entro i 15 giorni successivi alla consegna al richiedente dell'ACE, a cura del certificatore.
Tale obbligo in questa prima fase rimane (vedi art. 26 del regolamento)
Per le modalità di trasmissione alla Regione si veda qui
A partire all'entrata in vigore del regolamento, oltre alla trasmissione alla Regione di una copia dell'attestato, scatta un ulteriore obbligo di trasmissione: quando viene redatto un ACE dovrà essere firmato almeno in due originali, perché oltre a quello consegnato al richiedente un altro dei due originali dovrà essere trasmesso al Comune di competenza.
Come trasmettere l'ACE al Comune?
Vi sono due casi:
a) se l'ACE è prodotto a seguito di lavori edilizi un originale dell'attestato sarà trasmesso al Comune insieme al certificato di cui all'art. 86 della L 1/2005.
Si segnala che, nel caso i lavori edilizi riguardino una pratica gestita dallo Sportello Unico Attività Produttive SUAP, anche l'ACE passerà come tutta l'altra documentazione dallo stesso SUAP (il regolamento dice "nel caso in cui l'attestato di certificazione energetica sia relativo ad impianti produttivi, è trasmesso attraverso la rete regionale degli sportelli unici per le attività produttive (SUAP)")
b) se l'ACE è prodotto ai fini di una compravendita o di una locazione un originale dell'attestato, una volta firmato dal certificatore, sarà trasmesso senza indugio (dal certificatore o dal proprietario stesso) al Comune.


Ricerca del gas metano a Ribolla



Domanda  di verifica
Presentazione Progetto fiume Bruna definitivo 2007.ppt
Lista di controllo della completezza degli elaborati

Rapporto di Impatto Ambientale     RIA


Ria progetto Fiume Bruna
Allegato 1
Allegato 2
Allegato 3
Allegato 4
Allegato 5
Allegato 6
Allegato 7
Allegato 8
Allegato 9
Allegato 10
Allegato 11

rib675.jpg (2026 byte)

 

 

 

gessi8.jpg (3136 byte)

Permesso di ricerca "Montemassi" - Geoenergy srl

Pubblicazione Burt. n. 42 del 20.10.2010

FOTOVOLTAICO

Per l'installazione di pannelli fotovoltaici seguire le norme del Regolamento Edilizio

Cicalino 2 (6 allegati)
Progetto Litiano (15 allegati)
Progetto Pian del Bonucci (13 allegati)

Vai a Meteo - Climatologia per conoscere i giorni piovosi

 

SOLARE TERMICO

Per l'installazione di pannelli solari termici seguire le norme del Regolamento Edilizio

Link Utili

http://www.fonti-rinnovabili.it/index.php

 

CALDAIE A METANO E GPL

Come mettere in regola la caldaia